COS’È LA DISBIOSI? SEGNI E SINTOMI PER RICONOSCERLA

Dott. Alessio Fabbricatore

 

Alcune tra le più importanti funzioni del nostro organismo sono svolte in cooperazione con l’enorme comunità di microbi e batteri che vivono in simbiosi con noi, in particolar modo l’omeostasi del metabolismo energetico e l’integrità del sistema immunitario, ma anche tutta una serie di funzioni accessorie che vanno dalla sintesi di vitamine, al controllo del ricambio osseo, alla protezione dei tessuti del corpo dall’invasione di cellule cancerose e tanti altri.

È quindi facilmente comprensibile come, ogni qual volta la flora batteria si altera, una o più di queste funzioni possono andare in crisi.

 

La disbiosi è un progressivo impoverimento della flora batterica, in termini sia di varietà che di ricchezza, in cui si vengono quindi a perdere tutte le condizioni di equilibrio che sono presenti durante uno stato di normalità (che viene definito eubiosi).
Da questo dipende l’intero ventaglio di sintomi che lamentano le persone affette da disbiosi, che possono andare da segni e sintomi gastrointestinali (disturbi digestivi e/o di transito intestinale) a problemi più gravi (malattie infiammatorie intestinali, malattie autoimmuni, malattie degenerative, etc).

Un principio importante da tener presente è che la disbiosi intestinale non rappresenta una condizione patologica a sé stante, quanto piuttosto un fattore predisponente e di mantenimento di tutta una serie di patologie che sono a essa associate. Questo permette di capire e spiegare il perché vi siano numerose persone che presentano questa condizione pure in assenza di una diagnosi patologica vera e propria.

 

Quali sono i segni e i sintomi di disbiosi?
Le persone che soffrono di una perdita di varietà della propria flora batteria manifestano una serie di segni e sintomi molto aspecifici che però sono tutti compatibili ad una alterata funzionalità intestinale:
• Gonfiore e flatulenza che persistono per più giorni alla settimana per la maggior parte del mese
• Alternanza fra stipsi e diarrea
• Frequente presenza di muco nelle feci
• Feci di consistenza troppo molle o troppo dura
• Sensazione di non riuscire mai a liberare interamente l’intestino
• Disturbi digestivi con intolleranza a diversi alimenti
• Bruciori gastrici o addominali, talvolta associati a reflusso gastroesofageo
• Alito cattivo
• Sensazione di stanchezza, unita ad irritabilità e depressione che non sono motivate da eventi esistenziali
• Diagnosi di intestino irritabile, colon irritabile, malattie infiammatorie intestinali o SIBO
• Diagnosi di malattie autoimmuni.

 

Chi è il dott. Alessio Fabbricatore? CLICCA QUI per scoprirlo

Post a Comment